Mototurismo Amici Honda Deauville

Mototurismo che passione!!!




Ultimi argomenti
» pranzo di natale AHD 2 dicembre 2018
Ven Nov 16, 2018 9:16 pm Da brigante

» Presentazione
Ven Nov 16, 2018 7:22 pm Da ellesse

» Ho capito! E' amore.
Mar Nov 13, 2018 6:46 pm Da mimmo52

» 7° OME 16/09/2018
Lun Ott 22, 2018 12:16 pm Da hondedei

» Ricambi nuovi ed usati Deauville 650 - non più disponibili
Mer Ott 10, 2018 8:38 pm Da interceptor75

» A volte ritornano
Lun Ott 08, 2018 8:47 pm Da Jigen

» PRESENTAZIONE NUOVO ISCRITTO
Ven Ott 05, 2018 5:53 pm Da Hondaman

» Presentazione
Ven Ott 05, 2018 5:51 pm Da Hondaman

» vendo HONDA DEAUVILLE 700 ANNO 2008
Lun Set 17, 2018 1:14 pm Da elioandrea

» carena anteriore dea 650
Ven Set 07, 2018 12:35 pm Da massimodecimo61

Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Novembre 2018
LunMarMerGioVenSabDom
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Calendario Calendario



Non sei connesso Connettiti o registrati

Blocco permanente motocicli e motoveicoli Euro 0 2T Regione Lombardia.

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

First

avatar
Junior Deauviller
Euro 0 2t bloccati 24 ore su 24 su tutto il territorio lombardo (se non iscritti a registro storico). Riporto qui sotto, l'info a riguardo i 2T, il resto seguendo il link del sito regione: 

http://www.regione.lombardia.it/wps/portal/istituzionale/HP/DettaglioRedazionale/servizi-e-informazioni/cittadini/Tutela-ambientale/Qualita-dell-aria/misure-di-limitazione-per-qualita-aria

Divieti di circolazione dei veicoli vigenti dal 1 ottobre 2017 al 31 marzo 2018 

Ricordiamo che, dal 1 ottobre al 31 marzo, sono altresì attive le limitazioni alla circolazione dei motocicli e ciclomotori a due tempi Euro 1 nei Comuni di Fascia 1, nei giorni feriali dalle 7.30 alle 19.30 (in vigore dal 15 ottobre 2016); mentre per i motocicli e ciclomotori a due tempi Euro 0 vige il divieto di circolazione su tutto il territorio regionale,tutto l'anno, 24 ore su 24. 

Ho scritto in regione per aver più dettagli. Già nel 2015 mi avevano confermato tale blocco. Io mio pongo queste domande:

1) perchè in regione L. posso assicurare e revisionare senza problemi tale motoveicolo se non posso circolare?

2) Se circolo ugualmente, oltre alla sanzione prevista, quali conseguenze penali subisco in caso di sinistro con gravi conseguenze a persone?

3) Le compagnie assicurative possono fare rivalsa nei mie confronti in caso di sinistro visto il blocco?

Sappiamo bene che molti nonni e non solo, circolano cone vecchi ciao, vespa e graelloni del dopoguerra ignari di ciò. C'è un pò di disinformazione a rigurado. Avevo chiesto queste cose alla regione già nel 2015. la risposta riguradava solo la conferma dei blocchi.

hondedei

avatar
Admin
In queste leggi c'e' una nebbia che e' peggio di quella vera!! Rolling Eyes


_________________
"amicihondadeauville@gmail.com" 


Ciao Fulvio

HONDA CT 1200X  
HONDA DEAUVILLE NT 650 "99" KM 120.000 25/08/14

"Puoi svegliarti anche molto presto all'alba, ma il tuo destino si è svegliato mezz'ora prima di te."

First

avatar
Junior Deauviller
per me è una follia! Il problema che nessuno ne parla, le compagnie assicurative se ne fregano o non ne sanno nulla (Mi domando cosa diranno in caso di sinsitro scoperto il blocco), Le revisioni le fanno ugualmente, tanto.. altrove puoi circolare.

First

avatar
Junior Deauviller

BianConiglio

avatar
Junior Deauviller
First ha scritto:... mentre per i motocicli e ciclomotori a due tempi Euro 0 vige il divieto di circolazione su tutto il territorio regionale,tutto l'anno, 24 ore su 24.
Se il Gengiva è un 2T Euro 0 tu non potresti circolare MAI a meno che il veicolo non sia iscritto al Registro Storico: saresti già fuorilegge a uscire da casa, ma se vai a Valenza Po è tutto regolare, e l'aria non è che sia tanto diversa...

ribot

avatar
Semplice Deauviller
Fate come, compratevi una bicicletta e pedalate!

First

avatar
Junior Deauviller
BianConiglio ha scritto:
First ha scritto:... mentre per i motocicli e ciclomotori a due tempi Euro 0 vige il divieto di circolazione su tutto il territorio regionale,tutto l'anno, 24 ore su 24.
Se il Gengiva è un 2T Euro 0 tu non potresti circolare MAI a meno che il veicolo non sia iscritto al Registro Storico: saresti già fuorilegge a uscire da casa, ma se vai a Valenza Po è tutto regolare, e l'aria non è che sia tanto diversa...
Il Gengiva è iscritto al registro storico FMI dal 2009

FABIOZ

avatar
Baby Deauviller
PER ME IL DIVIETO E' FUORILEGGE, DAL MOMENTO CHE SI PAGA IL BOLLO SI HA IL DIRITTO DI CIRCOLARE. SEMPRE , COMUNQUE E OVUNQUE. STATO, REGIONE, COMUNE, SE ACCETTI I SOLDI DEL BOLLO,MAGARI AUMENTATO PER EFFETTO EURO 0, ACCETTI ANCHE L'UTILIZZO. DIRITTO E DOVERI... PER TUTTI(ALTRA COSA OVVIAMENTE ZONA A TRAFFICO LIMITATO) 
FORSE UN AVVOCATO NEL GRUPPO CI POTREBBE SPIEGARE MEGLIO....
CERTO CHE SE MI FACCIO 500 KM PER FARMI FERMARE DA UN VIGILE CHE MI MULTA PERCHE' NON POSSO CIRCOLARE ... NIENTE SEGNALAZIONI O ILLEGGIBILI ALLA VELOCITA' MASSIMA (30/50KM ORA) DEL LIMITE DI VELOCITA' ...  MAH... LASCIA L'AMARO IN BOCCA...

Vigjut

avatar
Moderatore
Conseguenze deleterie della c.d. "legislazione concorrente" che sempre più spesso chiama in causa la sempre più in affanno Consulta per dirimere le ovvie controversie.


_________________
Chi guida deve sempre tener presente due parole-chiave: consapevolezza e rispetto. 

Honda Deauville 700 abs - 31.3.2010-29.9.2015. 
Vespa gts 300 ie super - 13.4.2016-17.6.2016.
Kawasaki VN 900 classic - 21.6.2016-18.1.2018.

First

avatar
Junior Deauviller
Pensiero:

La soluzione doveva essere trovate anni fa, lo sappiamo bene. Infatti, molte aziende nate tra l'80 ed il 90 per produrre auto elettriche sono fallite o sono state chiuse. Nessuno le ha aiutate a crescere con icentivi o sgravi fiscali. Hanno preferito aiytare le aziende tradizionali (Chissà perchè?)
L'idrocarburo inquina. Punto! Questo è un dato di fatto, ma finchè il petrolio generarà interessi su interessi (per i soliti pochi, oserei dire..) e sarà la base dell'economia mondiale, non verrà completamente sostituito.
Le auto elettriche sono un alternativa ed il futuro con ogni probabilità. Però mi domando: Le nostre linee elettriche sopporteranno il carico di tutte le auto collegate per il rifornimento? Tutta la corrente che servirà per la carica, come verrà prodotta? Nessuno vuolo campi fotovoltaici o pale eoliche perchè deturapano il panorama (almeno qui nella terra dei cachi), il nucleare è pericoloso, l'idroelettrico ha generato problemi in passato (Vajont) e molti hanno paura. Sappiamo che molte centrali vanno ancora a carbone ed alcuni producono elettricità con il petrolio. 

Insomma un cane che si morde la coda non per gioco ma per interesse.

In più... Un domani che avremo tutti l'elettrico e nessuno comprerà benzina o gasolio, il caro stato cosa s'inveterà per coprire il mancato introito delle accise di circa 1,1 € litro?
Non credo che ci faranno un regalo.

Non è questione di lamentarsi o no. Il fatto è che in qualsiasi modo ci vanno di mezzo le tasche della maggior parte delle persone sopratutto dei meno facoltosi. Per questo questi blocchi a mio avviso sono inutili nell'immediato, servo solo a rompere le scatole alle persone comuni.

hondedei

avatar
Admin
First ha scritto:
Insomma un cane che si morde la coda non per gioco ma per interesse.

.....e gli interessi non sono di sicuro per noi! incazzato


_________________
"amicihondadeauville@gmail.com" 


Ciao Fulvio

HONDA CT 1200X  
HONDA DEAUVILLE NT 650 "99" KM 120.000 25/08/14

"Puoi svegliarti anche molto presto all'alba, ma il tuo destino si è svegliato mezz'ora prima di te."

BianConiglio

avatar
Junior Deauviller
First ha scritto:
BianConiglio ha scritto:
First ha scritto:... mentre per i motocicli e ciclomotori a due tempi Euro 0 vige il divieto di circolazione su tutto il territorio regionale,tutto l'anno, 24 ore su 24.
Se il Gengiva è un 2T Euro 0 tu non potresti circolare MAI a meno che il veicolo non sia iscritto al Registro Storico: saresti già fuorilegge a uscire da casa, ma se vai a Valenza Po è tutto regolare, e l'aria non è che sia tanto diversa...
Il Gengiva è iscritto al registro storico FMI dal 2009
Lo so bene, l'avevi già detto in passato: la mia era una frase un po' retorica che intendeva dire a un qualsiasi possessore di veicolo anziano "o sei iscritto al registro o in Lombardia non circoli, ma se passi il confine di regione nessun problema (a meno di legislazioni locali), peccato che l'aria se ne freghi dei confini amministrativi."

First

avatar
Junior Deauviller
Vero anche questo punto! L'aria se ne frega dei confini. Però un abitante di Pieve Porto Morone (PV - Lombardia) non può circolare ed uno di Cstel San Giovanni (PC - Emilia Romagna) può farlo. Eppure i due comuni sono confinanti...

Vigjut

avatar
Moderatore
BianConiglio ha scritto:
...ma se passi il confine di regione nessun problema...
Ma come ci arrivi al confine, col carro attrezzi? Perdonami l'intervento sarcastico. Di fatto intendono decretare la fine delle due ruote 2 t euro 0.


_________________
Chi guida deve sempre tener presente due parole-chiave: consapevolezza e rispetto. 

Honda Deauville 700 abs - 31.3.2010-29.9.2015. 
Vespa gts 300 ie super - 13.4.2016-17.6.2016.
Kawasaki VN 900 classic - 21.6.2016-18.1.2018.

First

avatar
Junior Deauviller
Vigjut ha scritto:
BianConiglio ha scritto:
...ma se passi il confine di regione nessun problema...
Ma come ci arrivi al confine, col carro attrezzi? Perdonami l'intervento sarcastico. Di fatto intendono decretare la fine delle due ruote 2 t euro 0.

in teoria si.

BianConiglio

avatar
Junior Deauviller
Vigjut ha scritto:
BianConiglio ha scritto:
...ma se passi il confine di regione nessun problema...
Ma come ci arrivi al confine, col carro attrezzi? Perdonami l'intervento sarcastico. Di fatto intendono decretare la fine delle due ruote 2 t euro 0.
Proseguendo con la retorica, è l'idea di "ciclomotore o motociclo 2T Euro 0" che passa il confine, non il veicolo stesso.
Come giustamente dice First, se sei di Pieve Porto Morone il tuo motociclo sta fermo, ma a 500 metri, al di là del Po, sei perlomeno sottoposto a meno limitazioni.

BianConiglio

avatar
Junior Deauviller
First ha scritto: Nessuno vuolo campi fotovoltaici o pale eoliche perchè deturapano il panorama (almeno qui nella terra dei cachi), il nucleare è pericoloso, l'idroelettrico ha generato problemi in passato (Vajont) e molti hanno paura. Sappiamo che molte centrali vanno ancora a carbone ed alcuni producono elettricità con il petrolio.
Sulla prima ammissione sono più che d'accordo, molti hanno sposato la mentalità che gli anglosassoni chiamano NIMBY (Not In My Back Yard, "non nel mio giardino") ovvero fatele sì, le opere pubbliche, ma non a casa mia: ma se il vento spira a casa tua dove vuoi che le faccia le pale? E se hai più ore di insolazione, dove vuoi che io metta i pannelli?

Sul nucleare... pericoloso sì se mal utilizzato e mal governato, ricordate che nel nord Italia i venti dominanti arrivano da ovest e la Francia è piena di centrali nucleari (così come la Svizzera) per cui un incidente causerebbe gravi problemi anche a noi che, cornuti e mazziati, l'energia la compriamo proprio da francesi e svizzeri. Pensate che rispetto a Chernobil noi avremmo dovuto essere sottovento...

Sulla frase "l'idroelettrico ha generato problemi in passato (Vajont)" spenderei due parole perchè mi sembra un'analisi molto approssimativa. "L'idroelettrico ha generato problemi" (e piangiamo ancora i duemila morti) perchè un geologo (Dal Piaz) ha sostenuto che una certa montagna era solidissima, mentre non lo era. L'ingegnere edile (Semenza padre) realizzò un capolavoro che possiamo ancora ammirare, perchè la diga è ancora lì, intatta. Citando Dino Buzzati "Un sasso è caduto in un bicchiere colmo d’acqua e l’acqua è traboccata sulla tovaglia. Tutto qui. Solo che il bicchiere era alto centinaia di metri e il sasso era grande come una montagna e di sotto, sulla tovaglia, stavano migliaia di creature umane che non potevano difendersi. Non è che si sia rotto il bicchiere quindi non si può, come nel caso del Gleno, dare della bestia a chi l’ha costruito. Il bicchiere era fatto a regola d’arte, testimonianza della tenacia, del talento, e del coraggio umano". La beffa sta anche nel fatto che Semenza figlio (geologo e allievo di Dal Piaz) produsse una perizia dove confutava Dal Piaz, sposando invece la tesi di Muller (geologo), sostenuta anche dal Genio Civile di Belluno e ben nota alla gente della zona, perchè se una montagna si chiama "Toc" (che in tutti i dialetti del nord Italia e forse non solo vuol dire "pezzo") occorre dar credito a una perizia (Muller) che dimostra scientificamente, con ampie prospezioni, che lì c'era una frana pregressa che aspettava solo che le bagnassero i piedi, ed a una seconda (Semenza) che conferma la prima. Ma c'erano troppi interessi economici in gioco...

"Alcuni producono elettricità col petrolio"? Tutti, per la maggior parte del fabbisogno. Noi compresi. Le centrali alimentate da derivati del petrolio erogano la maggior parte del fabbisogno nazionale energia in servizio di base h24. La modulabilità del carico in funzione della richiesta, che varia di ora in ora a seconda dei periodi stagionali è assicurata principalmente dalle idroelettriche, che possono essere avviate/arrestate e regolate in pochi minuti. In misura minore entrano quelle fonti come le turbogas, il geotermico, l'eolico e il solare, di cui le ultime due soggette alla meteorologia.

Jigen

avatar
Semplice Deauviller
Allo stato ( volutamente minuscolo ) della qualità dell'aria non frega assolutamente niente però è un buon cavallo di battaglia per spremere ulteriormente gli itaGliani ( volutamente con la gl ). A breve arriverà la tassa sulla povertà ovvero la tassa per tutti coloro i quali non possono permettersi di cambiare la vecchia auto

https://www.guidafisco.it/bollo-auto-euro-3-aumento-costi-stangata-auto-vecchie-inquinanti-1965


_________________
"Per farsi dei nemici non è necessario dichiarar guerra... ...basta dire quel che si pensa." Martin Luther King
"I carnevali passano, certe maschere restano." Jean Paul Malfatti
"Me piace piegà ma a casa ce vojo tornà" Daisuke Jigen 

First

avatar
Junior Deauviller
Bianconiglio grazie per la cghiara speigazione, Certo, cone idroelettrico genera problemi.. mi riferivo al disatro del vaione. Forse ho generalizzato torppo. Il mio pensiero va soprattutto alla paura generata dal disastro non alla qualità della realizazione, che come sottolinei tu, ha retto alla bomba caduta dall'alto. Certo, vedere quella diga fa impressione ed ora è là, come monito all'arrognaza ed alla stupidità umana. Per quanto riguarda il pertolio per corrente so che viene utilizzato ma non pensavo cosi tanto. In tutta sincerità per anni ho lavorato nel campo dei gruppi elterrogneni e fprse a breve ritornerò a lavoraci.

BianConiglio

avatar
Junior Deauviller
First ha scritto:Per quanto riguarda il pertolio per corrente so che viene utilizzato ma non pensavo cosi tanto.
https://it.wikipedia.org/wiki/Produzione_di_energia_elettrica_in_Italia

solitario

avatar
Junior Deauviller
L'idroelettrico non produce tragedie, è l'uomo che le produce, vedi giustappunto il Vajont.

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum