Mototurismo Amici Honda Deauville

Mototurismo che passione!!!




Ultimi argomenti
» 7° OME 16/09/2018
Lun Set 17, 2018 6:09 pm Da rudyprojet

» vendo HONDA DEAUVILLE 700 ANNO 2008
Lun Set 17, 2018 1:14 pm Da elioandrea

» Regalo Ricambi nuovi ed usati Deauville 650
Dom Set 16, 2018 7:43 pm Da interceptor75

» PRESENTAZIONE NUOVO ISCRITTO
Mer Set 12, 2018 8:26 pm Da wallyhonda

» Presentazione
Lun Set 10, 2018 8:41 pm Da wallyhonda

» carena anteriore dea 650
Ven Set 07, 2018 12:35 pm Da massimodecimo61

» pompa benzina dea 650 del 2002
Ven Set 07, 2018 12:33 pm Da hondedei

» Donne e motori!!!
Lun Ago 27, 2018 9:31 am Da AlTer

» Stavo per lasciarvi...
Gio Ago 23, 2018 9:37 pm Da ribot

» Un'altra sciagura.
Sab Ago 18, 2018 11:49 am Da Hondaman

Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Settembre 2018
LunMarMerGioVenSabDom
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Calendario Calendario



Non sei connesso Connettiti o registrati

Quando, un anno fa, credetti di essere un "biker"!

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

AlTer

avatar
Junior Deauviller
Sempre per approfondire la nostra conoscenza, vi racconto cosa accadde, l'anno scorso, durante la mia prima uscita col gruppo pugliese di cui faccio parte, dopo ventitré anni di "astinenza" dalle due ruote.

10 luglio 2016 - uscita istituzionale ai Laghi del Matese.
La giornata inizia all'insegna di un entusiasmo a mille perchè partecipavamo, per la prima volta, ad una uscita col gruppo pugliese Puglia Bikers.
Partenza da Molfetta alle 7.25 per essere sul posto, a Barletta, alle 8.00.
Siamo puntuali e troviamo lì i primi partecipanti; metto il cavalletto laterale e non prevedo che sul terriccio di ciglio strada il cavalletto non tiene bene, infatti, neanche finite le presentazioni, "Giulia chiappona" ... si corica su un fianco, come un pachiderma stanco. Shocked
Rialzo la moto con l'aiuto degli astanti e pronuncio la prima "bestemmina" della giornata.
Si parte, e sulla 16 bis nessun problema, con la moto-scopa dietro di me.
Il motore è pronto, spinge senza problemi fino a 130kmh e ne ha ancora, Terry mi ficca gragnuole di pugni sul casco per farmi rallentare; faccio finta di decelerare !!! 
Sosta distributore e caffè che, mi sembra il minimo, pago a tutti per inaugurare la mia new entry; si riparte e il caldo, avendo le giacche tecniche, anche se estive, inizia farsi sentire !
Da questo momento in poi, non so più le località che abbiamo toccato, preso com'ero a "tentare" di seguire il gruppo.
A mano a mano che si andava verso la meta, le cose hanno iniziato, per me, a mettersi male in quanto, come già asserito altrove, io non piego ma, semplicemente, "giro lo sterzo" ! 
A parte gli scherzi, per me e per Terry inizia una sorta di "via crucis", ossia il desiderio più grande era ARRIVARE A DESTINAZIONE per riposarci dalla tensione che si accumulava sempre di più.
La tensione era data dal fatto che io ho la "moto" da tre mesi scarsi e, quindi, ho ancora poca dimestichezza col suo peso e con le sue prestazioni, per cui tutto quello che faccio lo scopro mentre lo faccio; non sono buoni presupposti per affrontare i tornanti del Matese, dove le curve a gomito su strade strette mi "uscivano dagli occhi" e sembravano non finire mai. 
Ogni volta che incrociavo un'auto, o peggio ancora, un camper, magari esattamente sulla curva, ingoiavo veleno  ma, a parte la mia velocità lumachesca, tutto è filato liscio grazie anche alla "moto" che spingeva bene.
Ad un certo punto, non so assolutamente dove, ad uno stop ci fermiamo ma, al momento di ripartire, sbaglio sicuramente qualcosa perchè CADO DA FERMO Embarassed ; il pachiderma si corica di nuovo e trascina a terra me e Terry. 
Nulla di rotto a noi ma salta lo specchietto di sinistra (quello importante) per cui, tutto è stato peggio da allora in poi perchè non avendo la visuale di chi mi stava dietro, era Terry che guidava le mie manovre in uscita o in sorpasso; uno stress pazzesco per tutto quello che restava da fare nella giornata.
A tutto questo si aggiungeva l'ansia e la preoccupazione di rallentare il gruppo che doveva aspettarci ad ogni svincolo in quanto eravamo gli ultimi e, su quelle strade, portavamo un'andatura ... "vicina allo ZERO"; da un certo momento in poi (ma noi abbiamo compreso e non ce ne doliamo) il gruppo si ricompatta senza di noi e va avanti, ma ci aspetta agli incroci; neanche più la scopa !  Sad
Veniamo ai problemi personali: tunnel carpale alla mano dx che iniziava a dolermi sempre di più; dormiente cisti coccigea che si sveglia e mi provoca dolori al "fondo schiena".
Arriviamo a Fonte greca, dove ci fermiamo per mangiare in un bosco pieno zeppo di gente che sembrava la festa patronale; pance oscenamente nude ed enormi (che devi fare la mia !) bambini, cani, mosche, ma .... eravamo FINALMENTE fermi.
Si aggiunge un mio (consueto) mal di pancia e non vedo l'ora di arrivare ad un bar per usufruire dei servizi; ci arriviamo e .... scopro un nuovo "paradiso" .... il cesso !!!!  Smile
Si riparte per il ritorno e via, una nuova serie di ... TORNANTIIIIII; non vi racconto la sofferenza, vera e pura e il desiderio che tutto finisse il più presto possibile.
Alla fine di questi tornanti ritroviamo il gruppo che forse era lì da qualche ora; chi dormiva, chi fumava, chi cenava e, quando ci vedono spuntare, a momenti non si ricordano chi siamo. 
Da Campobasso in poi la strada si fa più accessibile ma ormai la stanchezza ha preso il sopravvento e Terry ed io non vediamo l'ora di essere a casa.
Il gruppo ci lascia su nostra richiesta e rimaniamo da soli per il rientro; stanchezza e sofferenza ci costringono a più soste (il dolore alla mano e al fondo schiena era ormai insopportabile) per cui arriviamo a Molfetta alle 23.00 e lasciamo la "moto" parcheggiata in strada perchè anche il garage aveva chiuso.

Terry era preoccupata a lasciare lo scooter per strada, io non sapevo più se quello era uno scooter o la porta dell'inferno!!!
Doccia e letto e .... finalmente tutto finisce !
Conclusioni: l'entusiasmo iniziale ha lasciato il posto, soprattutto dopo la rottura dello specchietto, alla tensione e alla fatica, cosa che non ci ha assolutamente permesso di godere degli stupendi paesaggi che attraversavamo e che quasi non volevamo più vedere, sentendoli ormai ostili. Uscire in moto è un'avventura ma non ripeterei mai l'esperienza di ieri rovinata dalla mia inesperienza su un percorso che richiedeva senz'altro un po' di "allenamento" in più.
Non usciremo più, ovviamente, in gruppo se non dopo esserci fatte un po' le ossa da soli (sperando di non rompercele)....

Ma questo accadeva un anno fa !!!!


P.s. Sono caduto da fermo almeno altre tre/quattro volte !  Embarassed



Ultima modifica di AlTer il Mer Feb 21, 2018 8:43 am, modificato 2 volte

Vigjut

avatar
Moderatore
Alter-RS ha scritto:... pago a tutti per inaugurare la mia new entry; ...
E ti toccherà anche qui..e siamo in tanti Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy
P.S. dopo tutte queste "spiacevoli situazioni" io da mò avrei preso la Dea. E come disse Oscar Wilde, "l'unico modo per resistere alle tentazioni, è cedervi".


_________________
Chi guida deve sempre tener presente due parole-chiave: consapevolezza e rispetto. 

Honda Deauville 700 abs - 31.3.2010-29.9.2015. 
Vespa gts 300 ie super - 13.4.2016-17.6.2016.
Kawasaki VN 900 classic - 21.6.2016-18.1.2018.

AlTer

avatar
Junior Deauviller
Vigjut ha scritto:
Alter-RS ha scritto:... pago a tutti per inaugurare la mia new entry; ...
E ti toccherà anche qui..e siamo in tanti Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy
P.S. dopo tutte queste "spiacevoli situazioni" io da mò avrei preso la Dea. E come disse Oscar Wilde, "l'unico modo per resistere alle tentazioni, è cedervi".

C'è da dire che, nel caso del giro con i Pugliabikers, non è stato lo scooter a darmi problemi ma la mia inesperienza, dopo 23 anni di "fermo".
Quando ho preso lo spidy mi sono basato, per la scelta del mezzo, proprio sulla paura di non saper più andare in moto e quindi, mi son detto, iniziamo con: 1)niente cambio meccanico, 2)niente leva frizione, 3) niente freno pedale, 4)accelera e vai, così sto più tranquillo mentre "riprendo la mano"; a distanza di un anno le cose sono tornate al loro posto e lo scooter, bello e comodo comunque, inizia ad essere troppo semplice e, se vogliamo, anche monotono se non devi fare altro che accelerare e frenare, e tieni conto, inoltre, che venivo da un'Honda 500 four http://images.moto.it/images/282506/x574/1-honda-cb-500-four.jpg che, ai tempi, era una signora moto (e lo rimane. La persona a cui la vendetti 23 anni fa ci viaggia ancora). 
Nota importante è che, comunque, al momento dell'acquisto dello scooter non conoscevo la Dea alle cui tentazioni ............... ho già ceduto !!!!  cheers

sessantauro

avatar
Coriaceo Deauviller
Come ti capisco!
Io ho iniziato ad andare in moto sei anni fa e di rospi (paure) ne ho ingoiato e ne ingoio ancora.
Cadute da fermo? Dopo sei anni ho imparato a cadere con grande classe...

rudyprojet

avatar
Junior Deauviller
Bel racconto.....  complimenti   (per il solo racconto   )

Antonio Pablo Menozzi

avatar
Semplice Deauviller
PUR TROPPO ORMAI SIETE VECCHI PER ARRIVARE ALLA POL POSITION  

Pero una cosa certa quello che se impara da bambino o giovane se porta tutta la vita,, come i campione dello sci,, la maggioranza sono quelli che hanno la neve d'avanti tutto il anno e di bambini hanno mezzo primo lo sci e poi le ciabatte,,, CON LA MOTO E LO STESSO,,, si hai cominciato a girare da giovane allora arrivi a la vostra eta,,,,,, diciamo sessantenni che con la moto fatte come volete, in il gruppo di Reggio Emilia in piu giovane sono io 59 anni,, e fai fatica a restare attaccati a voi,, cosi diceva uno che a uscito per la prima volta con NOI,, avevamo fatto 400 KM in giornata per gli appennini,, curve e controcurve,,, non a ritornato piu,,,  
PIU O MENO COME I NEGRI EXTRA-COMUNITARIO,,,,, che vanno a 60 al ora perche la prima macchina la hanno comprato qua in ITALIA,,,
  
                                                       TONY le magnific

Nicholas

avatar
Moderatore
Bravo , racconto molto divertente e ti capisco perfettamente . p.s. cadere in moto, nei parcheggi, salendo sui marciapiedi o nei tornanti fatti troppo lentamente ..... è normale  opss


_________________

Prima Dea 650/2005 - ora Suzuki VStrom 1000 Zavorrata da Cati

MORFEO 74

avatar
Moderatore
Leggendo il tuo racconto, deduco che il tuo mezzo sia leggero da sollevare: la Deauville è un Po più pesantuccia da sollevare, e alla fine della giornata te ne accorgi.

AlTer

avatar
Junior Deauviller
'avatar
Oggi alle 10:24 pm
Da MORFEO 74
Leggendo il tuo racconto, deduco che il tuo mezzo sia leggero da sollevare: la Deauville è un Po più pesantuccia da sollevare, e alla fine della giornata te ne accorgi.".

Il mio mezzo pesa 230 kg a secco Smile non credo sia pochissimo; sono io che sono FORTE !!!!! Wink Smile

hondedei

avatar
Admin
Alter-RS ha scritto:
Il mio mezzo pesa 230 kg a secco Smile non credo sia pochissimo; sono io che sono FORTE !!!!! Wink Smile

Very Happy Very Happy Very Happy
Comunque l'importante e' raccontarlo e sopratutto risalire in sella 


_________________
"amicihondadeauville@gmail.com" 


Ciao Fulvio

HONDA CT 1200X  
HONDA DEAUVILLE NT 650 "99" KM 120.000 25/08/14

"Puoi svegliarti anche molto presto all'alba, ma il tuo destino si è svegliato mezz'ora prima di te."

AlTer

avatar
Junior Deauviller
hondedei ha scritto:
Alter-RS ha scritto:
Il mio mezzo pesa 230 kg a secco Smile non credo sia pochissimo; sono io che sono FORTE !!!!! Wink Smile

Very Happy Very Happy Very Happy
Comunque l'importante e' raccontarlo e sopratutto risalire in sella 

Cati

avatar
Aspirante Deauviller
Che bel racconto !!  Specialmente per il " paradiso " !!!  

Peccato che abiti lontano !!!  Ma al prossimo incontro speriamo di poterti conoscere !

solitario

avatar
Aspirante Deauviller
Si , la polizia  locale viaggia in Dea , ho conosciuto ( x quattro chiacchere) uno dei suoi meccanici, mentre aspettavo un pezzo della Dea, dal ricambista.
In quanto a cadute, il battesimo, lo abbiamo avuto ai laghetti del Passo Foscagno, moto su sterrato (buca ricoperta di ghiaia) completamente sterzata, con caduta  ,praticamente, da fermo , modello cartoni animati, la prima preoccupazione ?
Rialzare la moto, poi ho controllato se si era fatta male la consorte

AlTer

avatar
Junior Deauviller
L'importante è che la consorte non se ne sia accorta Smile

solitario

avatar
Aspirante Deauviller
No se ne accorta, in compenso ha fatto la stesa cosa, appena rialzata ha preso il di dietro della moto ed mi ha dato una mano a rialzarla, poi ho sentito le mie. mazzate mazzate mazzate

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum